Apparato riproduttivo femminile

Da Wikisessualità.
Per informazioni anatomiche/mediche, vedere Apparato genitale femminile[wp] su Wikipedia.

Da completare: Stub

Miti comuni[modifica]

Punto G[modifica]

Il "punto G[wp]" è una zona erogena di particolare sensibilità nella parete anteriore della vagina.

Esiste?[modifica]

Esiste una sostanziale controversia nella letteratura medica sulla sua possibile posizione, e anche sulla sua stessa esistenza. Apparentemente, non esiste un cluster di terminazioni nervose in alcuna parte della vagina e il più grande studio finora è risultato negativo.[1]

La maggior parte delle prove a favore sembrano essere nel migliore dei casi aneddotiche, spesso riproposti come semplici fatti da certi "esperti" in TV.

Esiste una serie di bizzarri sex toy di varie forme con l'intenzione di "stimolare" il punto G.

Che il punto G esista o meno - e gli studi in questo campo sono, perlomeno, difficili da condurre - una regione altamente sensibile nell'area ritenuta essere il punto G la spugna uretrale[wp], esiste, con vari gradi di sensibilità da donna a donna. Questa può essere una spiegazione per cui alcune donne riescono e altre donne non riescono a trovarne una, e la cosa può variare da fortuna, a genetica, a dieta, a cattiva performance da parte del* compagn*, o qualunque spiegazione più o meno fondata.

Sessuologi e altri ricercatori si pongono il problema sul fatto che le donne possano considerarsi disfunzionali se non riconoscono un punto G, ed enfatizzano il fatto che questa cosa non sia anormale.[2]

In breve, un "punto G" potrebbe essere null'altro che l'equivalente sessuale di avere un punto particolarmente solleticoso in un posto, ma non in un altro.

Nei maschi[modifica]

Si afferma che anche i maschi abbiano un punto G—nel retto. Questo è generalmente riconosciuto come essere la base della ghiandola prostatica. Questo solleva un punto di discussione interessante tra persone religiose antigay/antisodomia che credono nell'"intelligent design".

Vapori vaginali[modifica]

I vapori vaginali[rw] sono recentemente cresciuti di popolarità, nonostante il fatto di non avere alcuna base scientifica e molti potenziali effetti negativi, e la maggior parte dei benefici proposti sono basati su idee erronee su come vagina, erbe e vapore funzionano.

Il sesso allarga permanentemente la vagina[modifica]

Un'idea popolare è che la vagina diventi "usata", consumata,[3] o allentata[4] dal sesso, soprattutto se si fa selvaggiamente o con ragazzi ben dotati. In particolare, le donne single promiscue vengono dette sviluppare vagine allentate, consumate, indipendentemente dal fatto che le donne in relazioni fanno sesso molto più regolarmente e quindi dovrebbero essere a maggiore rischio di tale sindrome se questa esistesse.[5] In effetti, le vagine sono in grado di accomodare anche l'apertura necessaria per una nascita e ritornare al loro stato originale dopo sei mesi. Questa diceria può essere legata allo slut shaming.

Voci correlate[modifica]

Note[modifica]

  1. The Independent: "Call off the search teams - the G-spot is a myth"
  2. {{#invoke:citation/CS1|citation |CitationClass=book }}
  3. "Prima cosa: la vagina è un muscolo. Non è un tubo di gomma, passivo, né un tessuto come la pelle." http://www.scarleteen.com/article/advice/lets_let_this_be_the_last_word_on_worn_out_vaginas_shall_we
  4. "La vagina si contrae ed espande ogni volta che fai sesso con il/la tu* compagn* o ti masturbi. Con ripetute contrazioni ed espansioni, le pareti vaginali tendono ad allentarsi e a perdere elasticità. Di nuovo, troppa forza applicata durante la penetrazione potrebbe possibilmente danneggiare l'apertura e le pareti vaginali, portandole a perdere presa ed elasticità." http://www.ladycarehealth.com/home-remedies-for-tightening-a-vagina/
  5. http://www.the1585.com/concerningvaginas.html
I contenuti di questo articolo sono tratti, del tutto o in parte, da RationalWiki.