Donne nella tecnologia

Da Wikisessualità.

Da completare: Stub

Auto-perpetuazione[modifica]

Il fatto che un certo maschio non abbia incontrato o parlato con alcuna "vera geek" non può essere usato come base logica per la conclusione che le "vere geek" sono eccessivamente rare o inesistenti. Assumere questo porta a un circolo vizioso dove:

  • Le donne non si sentono benvenuto nelle community geek per via del sessismo rampante e per la mentalità da club dei ragazzi, per cui:
  • Le donne geek rimangono nell'armadio, preferendo (ad esempio):
  • Usare nomi utenti, avatar, personaggi di gioco non-femminili, censurare le liste di interessi.
  • Non usare cam/audio live o altri modi per condividere la propria faccia e voce.
  • Rimanere in silenzio su problematiche sessiste, anche evitando di segnalare incidenti sessisti per non essere outata, e soprattutto:
  • Non partecipare a meeting o eventi di persona, quindi:
  • Le donne geek rimangono invisibili (fuori da quelle che apprezzano l'attenzione, sfruttandola attivamente o no), per cui:
  • L'assunzione sulla incredibile scarsità di donne geek viene a formarsi, per cui:
  • Lo stato dell'essere geek visto come club dei ragazzi si conferma e la pressione per alleviare il sessismo evapora.

Bias culturale nell'ingresso nelle discipline STEM[modifica]

In uno studio del 2010 è emerso come la proporzione di donne tra i neolaureati in informatica fosse maggiore di quella che effettuava i test di ingresso, mostrando quindi che esiste un bias culturale a sfavore delle donne in questo campo (a parità di interesse/propensione, un maggiore numero di uomini si considera sufficientemente fiducioso di poter conseguire la laurea rispetto alle donne).[1][2]

Evitare i fallimenti[modifica]

L'evitare i fallimenti si riferisce al fenomeno in cui le donne non vogliono provare a fare le cose e fallire per paura che i loro fallimenti si riflettano sulle donne geek in generale.

Narrative ripetute[modifica]

Qui col mio ragazzo[modifica]

Qui col mio ragazzo è un'assunzione spesso presente nelle community geek. Si assume che le donne siano presenti solo perché siano le compagne di un geek, non perché siano interessate all'argomento. Questo avviene principalmente:

  • In conferenze tecniche.
  • Ambienti lavorativi legati a tecnologia/informatica/ingegneria.
  • User group/hackathon/hacker space
  • Convention di fantascienza
  • Convention di fumetti

Notare che se una donna risulta avere un ragazzo in un campo/community geek, questo non dovrebbe minare il suo interesse personale, le sue conoscenze o il diritto di essere lì. Anche se è effettivamente una compagna slegata all'ambiente, non è un problema. Il problema è assumere di default che una donna sia presente per via del suo fidanzato e non per conto suo. Include anche le cose più sottili, come distribuire materiale tecnico/informativo ai maschi di un gruppo ma non a quell'unica ragazza che è lì.

Le stesse assunzioni valgono ovviamente anche rispetto a sorelle, madri o figlie.

Esempi nel gaming includono poi:

  • Discussione di hobby geek come qualcosa che assume in automatico un lettore maschio, in contrapposizione alla compagna femmina ("questa notte dovrai dire di no alla tua ragazza per questa nuova uscita!")
  • Discussione di hobby geek come qualcosa per cui il lettore maschio deve ottenere il consenso con la riluttante compagna femmina ("inizia ad addolcirtela, perché rimarrai incollato alla console per una settimana…")
  • Discussione di hobby geek come qualcosa per cui il lettore maschio dovrebbe introdurre la sua compagna al gaming con giochetti da party o leggeri/insulsi.
  • Assumere che le donne nei team di sviluppo siano gli artisti o nel dipartimento risorse umane.

Queste posizioni rendono alcuni gruppi di geek invisibili:

  • Le donne geek, indipendentemente da qualunque relazione possano avere.
  • I maschi geek con partner maschi, e qualunque altro stile di relazione che devii da uomo geek con donna non-geek.
  • Geek single, inclusi geek single per scelta.
  • Qualunque geek con relazioni intime che includano il geekare assieme.

Donne come rompi e guastafeste[modifica]

Questa retorica assume l'idea molto stereotipica di relazioni eterosessuali in cui l'uomo cerca di seguire i suoi hobby e interessi in compagnia degli amici maschi con, nel migliore dei casi, la riluttante accettazione della sua compagna maniaca del controllo, invece che ogni possibile altro modello come coppie che seguono gli stessi interessi, o persone in gruppi di genere diverso in relazione di amicizia, che possono anche includere le/i loro compagn*.

A volte prende in prestito riferimenti dispregiativi alle "mogli maniache del controllo" della cultura mainstream:

  • "Bisogna obbedirle"
  • "Palla al piede"
  • "Amore, porta via la spazzatura quando vai fuori"

"False geek"[modifica]

Consiste nel vedere le geek come "non vere geek", con l'accusa che si comporterebbero come tali per attirare le attenzioni dei geek. Magari perché sono troppo hot, o perché vengono valutate[wp] come non abbastanza geek. Rappresentate dal meme Idiot Nerd Girl (e alcune risposte).

Le geek non esistono[modifica]

Le geek non esistono è un'idea dietro a una serie di scuse per il sessismo e per rivolgersi a un pubblico esclusivamente (etero- e cisnormativo) maschile, nelle community geek e nei media. Viene raramente usato come argomentazione in se, ma si trova come base dietro a numerose argomentazioni.

La logica del treno di pensiero è solitamente:

  • Le donne sono intrinsecamente troppo too vulnerabili/sensibili/deboli per divertirsi con cose geek come gaming/fumetti/tecnologia, e anche
  • L'essere geek è semplicemente non per donne e quindi queste non possono trovarci alcun valore in esso.

Ne seguono le seguenti assunzioni per spiegare presenza di quelle poche donne che ci sono tra i geek:

Voci correlate[modifica]

Note[modifica]

  1. [1]
  2. Why So Few?: Women in Science, Technology, Engineering, and Mathematics by Catherine Hill, Ph. D., Christianne Corbett, and Andresse St. Rose, Ed.D., 2010.
I contenuti di questo articolo sono tratti, del tutto o in parte, da Geek Feminism.