Sguardo maschile

Da Wikisessualità.
Attenzione: questo non significa che le donne non possano vestirsi in modo indecoroso o come cavolo vogliono, come molti (sia uomini che donne) credono rispetto all'oggettifiazione. Vedere anche Slut shaming.
Forse la cosa più femminista di Buffy è la quasi totale assenza di sguardo maschile. Buffy, Willow, e Anya sono tutte molto attraenti, ma non sono mai guardate occhieggiandoci dietro. I loro vestiti sono casual e pratici, la camera da presa non accarezza i loro corpi. Non ci sono particolari sforzi nella modestia, ma sapete com'è quando gli show introducono un personaggio femminile particolarmente attraente, c'è sempre una ripresa in stile "ta-da, amici", una passata sul suo corpo con la camera o un'inquadratura di lei che si mostra i capelli in quella maniera apparentemente irresistibile? Buffy non fa quelle cagate. Non che Buffy e compagne non siano sexy, ma sono sexy in una maniera inconscia, cosa che invece capita spesso agli uomini in TV. Sono sexy mentre vivono normalmente le loro vite, senza fermarsi per essere sexy alla camera da presa.
Cliff Pervocracy: Buffybuffybuffybuffy!, 2009

Lo sguardo maschile in un film o serie TV si riferisce alla tendenza di mettere il pubblico nella prospettiva di un uomo [eterosessuale]. Enfatizza e mette a fuoco gli aspetti che sono considerati interessanti, piacevoli, o stuzzicanti, assumendo l'idea di spettatore proposto (ad esempio, abbassare l'inquadratura sul fondoschiena di un personaggio femminile mentre questo si allontana dalla camera da presa), ed evita aspetti considerati awkward o poco interessanti per lo spettatore proposto (ad esempio, abbassare l'inquadratura sul fondoschiena di un personaggio maschile quando questo si allontana dalla camera da presa).

Risorse esterne[modifica]

Voci correlate[modifica]


I contenuti di questo articolo sono tratti, del tutto o in parte, da Geek Feminism.