Transfobia

Da Wikisessualità.

La transfobia è l'odio/paura/discriminazione/bigottismo verso le persone transgender e non-gender-confirmi. Le sue radici includono spesso i moralismi e tradizionalismi dietro all'omofobia, e anche dalla femmofobia e superiorità maschile presente generalmente nella società.

La transfobia esiste anche all'interno della comunità LGBT. Sia verso persone non-gender conformi (es. "Cerco solo veri maschi, non checche isteriche", che verso persone transgender nel senso tradizionale del termine "Sono solo esibizioniste!!11!"). Anche alcune frange di femminismo radicale presentano visioni transfobiche, ignorando il fatto che le donne transgender si trovano di fronte alle stesse discriminazioni e sessismi delle donne cis

Alcune persone confondono l'essere transgender con l'essere omosessuali (come se tutti gli omosessuali volessero essere donne e tutte le donne transgender fossero attratte dagli uomini). Orientamento sessuale e identità ed espressione di genere sono cose differenti.

La transfobia si manifesta come discriminazioni sistematiche nella ricerca di abitazione/lavoro/assistenza sanitaria[1], tassi di omicidi relativamente alti[2][3], fino a una serie di rappresentazioni denigranti nei media.

Esempi comuni[modifica]

Ma non saranno mai uomini/donne (m/f)[modifica]

Vedere anche Ma sotto sotto sono sempre uomini/donne, per quanto riguarda identità e personalità.

Anche se occorre rinunciare a cose come un cariotipo standard, una vagina autolubrificante, o caratteristiche fisiche (altezza, taglia di reggiseno...) entro pochi percentili[wp] di distanza dal valore mediano per il genere di destinazione, liquidare il tutto dicendo che è inutile è ingenuo.

Anche alcuni piccoli accorgimenti isolati (lasciarsi crescere (f) o tagliarsi (m) i capelli, vestirsi in modo differente o gender-neutral) possono aiutare le persone transgender a sentirsi molto meglio con se stesse.

Persone differenti sono inoltre disforiche in maniera differente, in quantità differente su diversi aspetti del loro corpo/presentazioni. Una persona MtF a cui non è mai particolarmente interessato del seno (anche molte donne cis sono indifferenti su questo) troverà inutile ad esempio eseguire mastoplastiche additive.

Misgendering (m/f)[modifica]

Consiste nell'usare grammatica/pronomi riguardanti il genere vecchio/genetico al posto di quelli di cui la persona transgender appartiene. Ad esempio, usare "un trans" per riferirsi ad una donna transgender (MtF).

È sconcertante notare la nonchalanza con cui questo avviene nei media (anche presunti LGTB-friendly) italiani.

In altri paesi, è come dare del n**** ad una persona di colore.

Panico trans (f)[modifica]

Il panico trans è usato come difesa da alcuni assalitori di donne trans. L'imputato afferma che stava incontrando una donna per fare del sesso, ma dopo avere scoperto al momento cruciale che la donna è transgender, tale è stato il suo shock e oltraggio che non ha potuto che attaccarla. L'obiettivo è di guadagnare la simpatia di alcuni membri della giuria che potrebbero avere simili pregiudizi, o di ridurre la potenziale condanna per omicidio in qualcosa di più leggero come omicidio colposo. Questa è una mossa disperata comunque, e la difesa del panico trans (assieme a quella del simile panico gay) è inammissibile in molte giurisdizioni (ma questo ovviamente non ferma le persone dal prenderla in considerazione).

Invisibilità female-to-male (m)[modifica]

Gli uomini transgender (FtM) sono pressoché invisibili/sconosciuti/ignorati. Nei media e nella parlata popolare, Trans e MtF/donna trans sono sinonimi. Probabilmente perché non istillano tanto odio e desiderio, e perché passano più frequentemente per uomini cis, una volta eseguita l'asportazione del seno e assunto ormoni maschili.

Gli standard maschili e femminili hanno inoltre requisiti di diversi gradi di libertà. Un uomo può essere brutto come la morte, ma raramente verrà criticato per questo. Una donna che non fa la brava casalinga amorosa, carina e femminile, viene subito marcata come cesso.

Ipersessualizzazione e desessualizzazione (f)[modifica]

Questo effetto documentato che solitamente bersaglia le donne cis di colore bersaglia anche le donne transgender, anche se occorre notare che gli effetti sono peggiori per le donne transgender di colore rispetto alle donne transgender bianche.[4] L'ipersessualizzazione e la desessualizzazione avvengono quando persone cisgender vedono le donne transgender sia come oggetti di fetish sessuale e sia come abomini inscopabili in termini di relazioni, spesso in contemporanea. Questo è anche combinato con il falso concetto di "autoginefilia" che fa ulteriormente da polizia morale sulla sessualità delle donne transgender e sulla loro espressione sessuale. Ancora un altro esempio sono i dottori che prescrivono livelli molto alti di antiandrogeni per ridurre il testosterone sotto ai livelli che una donna cis avrebbe, riducendo eccessivamente il desiderio sessuale. Questo può contribuire all'assalto e allo stupro verso le donne transgender.[5]

Nei media (f)[modifica]

Le donne transgender sono spesso rappresentati come corpi morti, lavoratrici sessuali, drag queen o figure tragiche intese come oggetto di pietà o di scherno. [6] Vengono spesso interpretate da uomini cis.

Appiattimento di genere (m/f)[modifica]

L'assunzione secondo cui le donne transgender e gli uomini si trovano di fronte alle stesse esperienze ignora l'intersezione di trans e genere. Negli articoli giornalistici, ad esempio, che raccolgono statistiche e storie sulla violenza contro le donne transgender e gli uomini transgender, sorvolano sul fatto che la fetta grossa della torta della violenza e assalti sessuali sono contro le donne transgender (in particolare le donne transgender di colore).[7] Chiamare tutto quanto "transfobia" ignora la realtà gender-specific della situazione.

Assunzione di privilegio maschile (f)[modifica]

Quando le donne trans cercano di assumere ruoli di leadership o affermare se stesse come uguali, le persone attribuiscono falsamento questo al comportamento sociale maschile.[8] Quando le stesse azioni vengono intraprese da donne cisgender, la socializzazione maschile viene raramente (se non mai) assunta.

Anche se le reazioni al privilegio sociale possono dare forma alla mentalità di una persona, il privilegio sociale è in effetti elargito dalla società; una società patriarcale che elargisce privilegio agli uomini cisgender su tutte le altre persone, che poi guida la visione del mondo di tutti gli altri partecipanti.[9] Comunque, poiché la società non tratta le donne trans (anche quelle che non vedono il bisogno, non vogliono, o non hanno ancora transizionato, per apparire più come una donna tipicamente femminile) come tratta invece un uomo cisgender, non si può dire che queste beneficiano del privilegio maschile, indipendentementemente di come le trans-exclusionary radical feminist si sentono rispetto a questo punto.[10][11]

Ma ci sono troppi generi su Facebook (m/f)[modifica]

Quando Facebook ha annunciato una maggiore scelta di opzioni per il proprio genere (oltre a Uomo e Donna), è scoppiata un'ondata di polemiche[12][13] da parte del mondo cattolico/conservatore/di destra, attorno all'ideologia gender.

Si noti come molti sono sinonimi (Trans Man, Trans* Man, FtM, Female-to-Male, Transgender Man, Transgender Male…), generici (Trans Person, Transgender, Trans…), o etichettature/sfumature diverse per persone non binarie (Androgynous, Androgyne, Genderqueer, Gender Nonconforming…). O semplicemente definizioni specifiche per persone non-transgender (Cisgender, Cis Woman, Cis Man…).

È difficile immaginare una simile indignazione se le opzioni per il campo Religione fossero state espanse in Religioso, Credente, Cattolico, Cristiano Cattolico, Cristiano, Indeciso, Cristiano di facciata, Cristiano Cattolico Romano Apostolico, Incerto, Ateo, Agnostico, Non praticante, Anti-teista, Irreligioso, Non-superstizioso, Indifferente, Nella speranza di ritrovare la via del Signore (non è stato fatto perché il campo è libero e si può scrivere quello che si vuole).

Rappresentazione di genere (f)[modifica]

Le donne transgender che si presentano femminili sono a volte accusate di rafforzare gli standard di aspetto patriarcali delle donne, quando si presentano come butch vengono accusate di essere uomini che fanno finta di essere donne.[14] Questo orribile tipo di catch 22[rw] è unico alle donne transgender.

Cultura dello stupro (f)[modifica]

Le donne transgender (particolarmente le donne transgender di colore) sono a rischio molto alto di essere stuprate o assaltate sessualmente (oltre la metà di tutte le donne transgender ha avuto esperienza di qualche tipo di violenza sessuale)[15], e nel frattempo vengono assunte dalla società essere gli stupratori di default. Questa assunzione (resa popolare dal trans exclusionary radical feminism) viene usata per negare alle donne transgender acceeso ai servizi per donne come i centri di supporto per violenze. C'è anche da notare che queste stesse femministe radicali hanno accusato quasi ogni donna attivista transgender nota di qualche tipo di cattiva condotta sessuale. Un altro orribile catch 22[rw].

Salute mentale (f)[modifica]

Le donne transgender vengono assunte come mentalmente malate da molte persone cisgender (visto che un Vero Uomo™ dovrebbe vestirsi da uomo, comportarsi da uomo, e non fare frocerie)[16] Le donne transgender che hanno effettivamente qualche problema di salute mentale si vedono spesso negare l'assistenza sanitaria per persone transgender (transizione) per via di questi altri problemi, aggravando la disforia di genere.[17] Essere transgender veniva considerato un disordine mentale, ed era impossibile ottenere un trattamento, se si possedevano *altri* disordini mentali.

Binarismo (m/f)[modifica]

Da completare

Ma ti inc**ano (f)[modifica]

Volendo essere precisi è una capacità che hanno anche le donne cisgender. Se ci si riferisce alle accuse di stupro (subìti vs effettuati), vedere Cultura dello stupro (f) e Panico trans.

Se ci riferisce al libido/desiderio sessuale, occorre notare che questo è direttamente correlato ai livelli di testosterone e altri androgeni[18][23], per cui questo con la transizione scende a livelli tipicamente femminili.

Se si è preoccupati sul fatto che ricevere sesso anale possa intaccare il proprio valore come Veri Uomini Machi Eterosesuali™ (se lo si desidera praticare), leggere Omofobia.

Ma i cromosomi… (m/f)[modifica]

Anche dopo l'operazione c'è sempre chi ha da polemizzare sui cromosomi. Probabilmente sono le stesse persone che vanno sui siti di biologia a scrivere commenti così:

BiochemistryTube -- Cromosoma X viene trascritto -- Bah schifo… È un cromosoma Y

Del resto, ci sono persone che nascono femmine pur essendo XY o maschi pur essendo XX.

Ma poi se ne pentono (m/f)[modifica]

Da completare

Le donne trans mi attraggono, sono gay? (f)[modifica]

No, sei attratto dalla sua femminilità, e le sue caratteristiche maschili sono ora andate.

Che abbia fatto o no l'operazione può limitare od estendereNon ci si conti troppo... antiandrogeni. lo spazio delle attività sessuali che risulta possibile fare assieme, ma del resto, non chiameremmo "gay" una coppia etero che fa pegging, e non toglieremmo l'appellativo "gay" ad una coppia di uomini che non ha rapporti completi.

Ma sotto sotto sono sempre uomini/donne (m/f)[modifica]

È più probabile che sotto sotto lo fossero sempre stati (donne/uomini), così come scansioni cerebrali mostrano strutture e peculiarità simili tra donne (indipendentemente se cis o trans), e diverse negli uomini (indipendentemente se cis o trans)[24], che a loro volta sono influenzate dagli ormoni prenatali durante lo sviluppo embrionale. Vedere anche Prenatal hormones and sexual orientation[wp] su Wikipedia. Altre informazioni su Genere e sesso.

Gatekeeping (m/f)[modifica]

Il gatekeeping/ostruzionismo avviene comunemente nel campo medico, in cui alle persone transgender viene negato il diritto a transizionare. Le argomentazioni dei gatekeeper medici si incentrano attorno all'idea che le persone transgender si stiano sbagliando rispetto alla loro identità (idea transfobica in sè) e che devono passare mesi o anche anni di terapia prima di avere il permesso di transizionare. Peggio, alcuni gatekeeper affermano che qualunque problema psicologico preclude il permesso alla transizione, il che mette le persone transgender a rischio di suicidio catch 22[rw] perché i loro problemi psicologici sono causati dalla disforia derivata dal loro vivere come membri del genere sbagliato. L'unico modo per alleviare i problemi seri è di transizionare. I disordini che "precludono" la transizione rendono transizione impossibile, e la maggior parte dei gatekeeper sono probabilmente del tutto consci di questo.

La nozione di gatekeeping come "protezione" da una "transizione errata" è uno scudo del cavolo per la transfobia, perché le persone cis non transizionano. Gli uomini femminili, le lesbiche butch, e le persone che credono che le loro vite sarebero più facili (in base ai ruoli e stereotipi di genere) se fossero nate nell'"altro" genere non transizionano. Quando qualcuno se ne esce dicendo che desidera transizionare, è perché sentono la necessità di farlo. Vedere anche Accedere alla transizione.

Un'altra conseguenza spiacevole è che molte persone transgender, esasperate dai tempi, dal burocratismo e dalla sfiducia, si arrangiano con l'automedicazione/fai-da-te ordinando gli ormoni su Internet. Avere l'assistenza di un endocrinologo sarebbe… tendenzialmente preferibile.

Negli Stati Uniti esistono cliniche di consenso informato che richiedono semplicemente la volontà dell'interessat*.

Ma costa troppo (m/f)[modifica]

Da completare

Ma è una moda (m/f)[modifica]

Da completare: btw non scriviamo quella cosa della definizione statistica, sembra un argumentum ad dizionarium. rispondere come se si dicesse "Ma è un trend/tendenza del momento"

Le persone transgender/non-gender-conformi sono sempre esistite nelle varie culture[rw]. Quello che cambia è la possibilità di transizionare ormonalmente (una manna dal cielo per le persone transgender), l'aumento di visibilità, e il fatto di sentirsi più fiducios* sul fare quello che si deridera effettivamente nonostante i vari bigottismi in lenta riduzione (tranne quando associazioni religiose tirano su argomentazioni dell'uomo di paglia per diffondere panico e disinformazione).

Ma la libertà di espressione (m/f)[modifica]

Senza dubbio, ma libertà di espressione non significa esenzione dalla critica o dalla ridicolizzazione. Vedere Libertà di espressione.

Nella pseudoscienza (f)[modifica]

Per l'articolo principale, vedere Autoginefilia.

I ricercatori sessuali Ray Blanchard e Kurt Fruend hanno cercato negli anni '80 di creare una "tassonomia" di transessuali che le classificava in due categorie, che, in base a quanto affermato, sarebbero:

  1. Omosessuali che sono molto effeminati e credono che la vita sarebbe più facile come donna
  2. Eterosessuali che hanno un fetish nell'immaginare se stessi come donna

Se si fa attenzione, si noterà che questo afferma che tutte le transgender sono o uomini gay, o pervertiti. Le prove secondo cui le transgender hanno cromosomi, caratteristiche neuronali, e anche genitali più simili a quelle del sesso in cui si identificano rispetto al sesso assegnato alla nascita? Sì, ma è irrilevante perché tutte le transgender sono o gay o pervertiti.

Oh, si potrebbe avere notato qualcos altro: non una singola parte di questa teoria idiota include un singolo riconoscimento degli uomini trans, vale a dire, qualcuno assegnato alla nascita come femmina ma che si vede più come uomo. Forse una razionalizzazione può essere che gli FtM non esistono (sì esistono, c'è una transizione FtM ogni 1,4 o 1,1 transizione MtF[25]). O forse, solo i transgender FtM soffrono della vera™ disforia.

Misoginia (f)[modifica]

Il pacchetto transgenderismo (MtF) include ovviamente anche i vari bigottismi ricevuti da tutte le donne, cis o trans che siano.

Voci correlate[modifica]

Note[modifica]

  1. Injustice at Every Turn: A Report of the National Transgender Discrimination Survey, National Gay and Lesbian Task Force Foundation
  2. Trans Murder Monitoring Project, Trans Respect versus Transphobia Worldwide
  3. "The victims of prejudice", BBC News, 26 dicembre 2003
  4. Reports from 1998 to the present on Lesbian, Gay, Bisexual, Transgender, Queer, and HIV-Affected Hate Violence, NCAVP
  5. Injustice at Every Turn: A Report of the National Transgender Discrimination Survey
  6. https://etd.ohiolink.edu/ap/10?0::NO:10:P10_ACCESSION_NUM:bgsu1245709749
  7. http://www.glaad.org/blog/ncavp-report-2012-hate-violence-disproportionately-target-transgender-women-color
  8. ""Ho cercato accettazione in una community lesbo che aveva cattive esperienze con una transgender lesbica cinque o sei anni prima che io arrivassi. Secondo le donne che c'erano lì, aveva tentato un giuoco di potere per conquistare l'enorme organizzazione lesbica della città, e la reazione è stata molto forte, vocale. 'Ecco l'uomo, signore e signori!' Poi sono arrivata io, e loro dicevano tipo 'GUARDATE! Un'altra!' Le persone non sapevano che io ero transgender e poi quando l'hanno saputo dicevano 'Oh, lo sapevo: era energia maschile, l'avevo capito!' Non c'è stata una accettazione molto buona." – Kate Bornstein, Gender Outlaw, pp. 42 - 43.
  9. http://www.tjlp.org/Privilege101.pdf
  10. http://amydentata.com/2014/02/18/nothing-to-lose-trans-women-and-male-privilege/
  11. A Series of Questions — Questa serie di lavori esplora le dinamiche di potere dietro alle persone transgender, transessuali, genderqueer, gender non-conformi, e gender-varianti.
  12. Quello che il Corriere non dice su Brie Harrison, la trans che ha creato i 56 “custom gender” di Facebook - Tempi.it
  13. Non ti senti né maschio né femmina? Facebook Usa ti invita a scegliere tra 56 “generi” (pangender, MTF, two-spirit…) - Tempi.it
  14. Drew Cordes (12 agosto 2012). "Power, the Male Gaze, & the Catch-22 of Trans Gender Presentation". The Bilerico Project. http://www.bilerico.com/2012/08/power_the_male_gaze_the_catch-22_of_trans_gender_p.php#4cssPecPMTE7Jqd6.99. Retrieved 31 maggio 2014. 
  15. http://www.thetaskforce.org/downloads/reports/reports/ntds_full.pdf
  16. http://dot429.com/articles/1119-transgender-people-no-longer-considered-mentally-ill-to-american-psychiatric-association
  17. https://www.apa.org/monitor/2013/04/transgender.aspx
  18. Errore nella funzione Cite: Marcatore <ref> non valido; non è stato indicato alcun testo per il marcatore MEDRS_review
  19. Errore nella funzione Cite: Marcatore <ref> non valido; non è stato indicato alcun testo per il marcatore Lichterman
  20. Harding SM, Velotta JP (May 2011). "Comparing the relative amount of testosterone required to restore sexual arousal, motivation, and performance in male rats". Horm Behav 59 (5): 666–73. doi:10.1016/j.yhbeh.2010.09.009. PMID 20920505. 
  21. Davis SR, Moreau M, Kroll R, Bouchard C, Panay N, Gass M, Braunstein GD, Hirschberg AL, Rodenberg C, Pack S, Koch H, Moufarege A, Studd J (November 2008). "Testosterone for low libido in postmenopausal women not taking estrogen". N. Engl. J. Med. 359 (19): 2005–17. doi:10.1056/NEJMoa0707302. PMID 18987368. 
  22. Renneboog B (2012). "[Andropause and testosterone deficiency: how to treat in 2012?]". Revue Médicale de Bruxelles 33 (4): 443–9. PMID 23091954. 
  23. [19][20][21][22]
  24. http://www.newscientist.com/article/dn20032-transsexual-differences-caught-on-brain-scan.html
  25. Landén, M., Wålinder, J., Lundstrom, B. (1996) "...Results: During the 20-year period of the study, 233 requests for sex reassignment were processed, and the incidence data were calculated on the basis of this group. This means that the average annual frequency was 11.6 cases. The number of inhabitants in Sweden over 15 years of age increased during the study period from 6.5 million to 7.1 million, i.e. there was a mean population of 6.8 million (12), which gives an annual incidence of request for sex reassignment of 0.17 per 100 000 inhabitants. The sex ratio (male:female) is 1.4 :1. To resolve the question of whether transsexualism increases or decreases, we divided the group into two 10-year periods. As can be seen from Table 1, not only do our results agree with the Swedish incidence data published in the 1970s, but also they remain remarkably stable over time. Separating from all applications the group with primary transsexualism yielded 188 cases, i.e. 9.4 cases annually. As is shown in Table 2, this corresponds to an incidence of primary transsexualism of 0.14 per 100 000 inhabitants over 15 years of age. It should also be noted that primary transsexualism is equally common in women and men..." in Incidence and sex ratio of transsexualism in Sweden from Acta Psychiatrica Scandanavica, Volume 93, pages 261-263. Retrieved on 2007-09-22.


I contenuti di questo articolo sono tratti, del tutto o in parte, da RationalWiki.
I contenuti di questo articolo sono tratti, del tutto o in parte, da RationalWiki.