Truscum

Da Wikisessualità.

Truscum è un termine usato per indicare le persone transgender che denigrano altre persone transgender che non sono transgender o "vere transgender" come loro, ad esempio perché si definiscono non-binary, o non sono in HRT, non desiderano fare l'operazione ai genitali, non vestono abbastanza da donna (o da uomo). È una forma di respectability politics. Tendono a disprezzare drag queen, crossdresser e persone non-binary, chi è transgender bisessuale o lesbica/gay, e chi non desidera fare la sex reassignment surgery.

Posizioni comuni[modifica]

  • Contrarietà alla demedicalizzazione, e supporto al gatekeeping.
  • Disprezzo verso persone non-binary e gender-non-conformi.
  • Disprezzo verso lesbiche/gay transgender.
  • Usano il termine "transessuale" perché "transgender" è troppo inclusivo.
  • Tendono a usare "sono stata trans" o "ero trans" (transfobia interiorizzata) o "ora sono una donna" prima no una volta che hanno fatto la sex reassignment surgery.

Curiosità[modifica]

Una delle firmatarie delle tesi TERF del congresso 2017 di Arcilesbica (A mali estremi, lesbiche estreme) è essa stessa una MtF, evidentemente ricolma di transfobia interiorizzata. Poveretta. È bello avere una varietà di opinioni.

Riferimenti esterni[modifica]

  • Trans lesbians' dystopian future, un gruppo Facebook precedentemente inclusivo che ha subito un colpo di stato truscum dopo che una admin ha ripreso il controllo e cacciato via tutte le admin troppo liberali, così come chi si definisce non-binary, chi non intende fre l'operazione, e chi obbietta alla decisione. Un gruppo parallelo e inclusivo è nato con il nome di Trans Dykes of the Left (oltre al già esistente "🔪💀ɮîtϾң⛧Ͽâʌə💀🔪" -- gruppo segreto)
  • Transessuali Italia Oltre il Gender, un gruppo Facebook truscum. L'admin si mette a deridere chi usa parole difficili come "asessuale" o "non-binary", e le altre del gruppo le vanno dietro seguendola come esempio.

Voci correlate[modifica]